Zanzibar è una delle più belle mete turistiche al mondo.
Questo arcipelago incantato al largo della Tanzania, conosciuto in tutto il mondo per le sue spiagge bianche e per il mare turchese, è composto da due isole principali: Unguja (conosciuta anche come Zanzibar) e Pemba, oltre a diverse isole minori.
Destinazione perfetta per gli amanti della natura e per tutti coloro in cerca di una vacanza all’insegna del relax, Zanzibar offre numerose possibilità per trascorrere un viaggio indimenticabile.

Ma cosa bisogna sapere prima di partire? Primaland Safaris, tour operator specializzato in safari fotografici in Tanzania, ha risposto alle nostre curiosità, dandoci numerose informazioni utili.

Informazioni utili

  • Capitale: Stone Town
  • Lingue parlate: Inglese e Swahili
  • Clima: Clima tropicale, caldo tutto l’anno, con una stagione delle brevi piogge tra ottobre e dicembre e una delle lunghe piogge da marzo a maggio.
  • Requisiti d’ingresso: Necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità e un visto d’ingresso.
  • Distanza dall’Italia: 000 km (8 ore di volo)
  • Come arrivare: La principale compagnia aerea che collega l’Italia a Zanzibar è la Turkish Airlines con voli che partono da Milano e da Roma effettuando uno scalo ad Istanbul.
    La durata complessiva del viaggio è tra le 10 e le 14 ore.

Clima e periodo migliore

  • Clima: Zanzibar gode di un clima tropicale, caldo tutto l’anno e caratterizzato da due stagioni delle piogge, una in primavera (da marzo a maggio) e l’altra in autunno (da ottobre a dicembre). Le temperature sono sempre alte e oscillano tra i 30 °C e i 38 °C.
  • Periodo migliore: Luglio, Agosto e Settembre sono i mesi migliori, vanno bene anche Gennaio e Febbraio anche se sono più afosi.
  • Periodo da evitare: Da Marzo a Maggio e da Ottobre a Dicembre sono le due stagioni delle piogge, durante le quali piove spesso e in modo molto abbondante e il caldo è afoso e insopportabile.
  • Consigli: Crema solare e vestiti leggeri non devono mai mancare; a seconda del periodo è una buona idea portare anche un ombrello e una felpa da indossare la sera.

Dove alloggiare

Per quanto riguarda l’alloggio si consiglia di prenotare sull’isola Unguja. Le zone migliori dipendono dalle preferenze personali: la costa Est è tendenzialmente più silenziosa e rilassante, soprattutto la sera. A Nord si concentrano invece maggiori locali e luoghi di intrattenimento.

Ottimi resort sono il Samaki Lodge di Zanzibar e il PalumboReef Beach Resort di Uroa, a circa 40 chilometri da Stone Town.

Cosa vedere: spiagge e luoghi di interesse

  • Nakupenda: spiaggia di Stone Town. La spiaggia è in realtà una sottile striscia di sabbia bianca che appare e scompare a seconda delle maree.
  • Kizimkazi: definita la spiaggia più bella dell’isola, è una lunga spiaggia di sabbia bianca e sottile nel sud di Unguja, bagnata da un mare azzurro molto chiaro e circondata da palme altissime, sotto cui ammirare incredibili tramonti. È possibile farsi accompagnare dai pescatori locali nei luoghi in cui si radunano i delfini.
  • Paje: altra spiaggia paradisiaca, questa volta sulla costa orientale. Lungo la costa, ricca di ristoranti, e bar, è possibile effettuare immersioni tra i coralli e pesci variopinti.
  • Parco Nazionale di Jozani Chwaka Bay: si trova nell’entroterra dell’isola e comprende la laguna di Chwaka Bay e la grande foresta Jozani, dalle quali prende il nome.
  • Darajani Market: è il mercato che si svolge nel centro di Stone Town. Si tratta di un tipico mercato africano fatto di colori, profumi, sapori tipici e bellissimi oggetti artigianali.
  • Prison Island: è un’isola al largo della costa occidentale di Zanzibar e il suo vero nome è Changuu Island, mentre il nome Prison Island deriva dal periodo della schiavitù.
    Oggi è una splendida località turistica e deve la sua fama, oltre che alle spiagge bianche e alla barriera corallina, alla colonia di tartarughe giganti che la abitano.